Installazione ambientale con la direzione scientifica del Prof. Stefano Mancuso, realizzata con 50 querce trentennali (Quercus Phellos) alte 7 mt piantate in modo da formare una stella. Un omaggio alla città di Firenze per il VII centesimo anniversario della morte di Dante Alighieri (1321 – 2021) con riferimento alla parola conclusiva delle tre cantiche di: Inferno, “e quindi uscimmo a riveder le stelle” - Purgatorio, “puro e disposto a salire alle stelle” - Paradiso “l’amor che move il sole e l’altre stelle”. L’opera nella sua interezza è apprezzabile solo dall’alto poiché è pensata per essere visibile dagli aerei che atterrano e decollano a Peretola, quindi con una prospettiva inversa, in quanto è dalla terra che si ammirano le stelle.